TABLETquotidiano

L'informazione on line

VERTENZA DIPENDENTI INSIEL: ZIBERNA (FI), SI INTERVENGA CON ATTO NORMATIVO

Il vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Rodolfo Ziberna fa sapere di essere a fianco dei lavoratori di Insiel nella loro vertenza con la Società per il recupero dai dipendenti di somme già loro liquidate e annuncia la ripresentazione di una sua interrogazione alla Regione che non ha avuto risposta.

“In luglio avevo già chiesto alla Giunta regionale – spiega Ziberna – di intervenire, se necessario anche in sede legislativa, analogamente a quanto fatto per altre categorie di cittadini, ai quali erano state corrisposte indennità non dovute: perché i dipendenti Insiel vengono trattati in modo diverso? – chiede il vicecapogruppo di FI -. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha ribadito che dalla legislazione in questione non derivavano impedimenti allo svolgimento della contrattazione collettiva, né vincoli normativi a quella nazionale, e pertanto le erogazioni erano legittime e deve applicarsi la regola del tempus regit actum. Del resto anche le successive pronunce sul tema delle singole Corti dei Conti Regionali sono discordanti.

“Deve essere anche considerato – precisa il consigliere – che i dipendenti non hanno percepito, seppur dovuto, né quanto spettante dal contratto collettivo dei metalmeccanici (aumenti contrattuali, scatti di anzianità, circa 60 euro lordi mensili), né gli aumenti spettanti dal contratto integrativo Insiel di secondo livello (passaggi di categoria).

“Ecco la ragione per cui – annuncia Ziberna – condivido la richiesta dei dipendenti Insiel, attualmente in stato di agitazione, di bloccare le procedure di recupero di quanto Insiel ha già erogato ai medesimi, se necessario con intervento normativo analogo ad altre categorie di cittadini.

“La mia interrogazione – conclude l’esponente di FI – contiene proprio queste proposte, frutto di buonsenso e ragionevolezza, oltre che rispettose della dovuta equità di trattamento”.