TABLETquotidiano

L'informazione on line

TRIESTE VOLLEY 2014: RIGUTTI, “VIGILIA EMOZIONANTE PER UN GRANDE MONDIALE”

“Ospitare a Trieste un Campionato del Mondo di questa rilevanza con squadre di grandissimo prestigio è un’emozione forte, anche personale”.

Franco Rigutti, presidente del Comitato organizzatore (COL) di Trieste non vede l’ora che inizino le fasi triestine del Mondiale femminile.
Sessantaquattro anni, titolare di un esercizio commerciale ultrasecolare di Trieste, Rigutti ha sempre creduto nella pallavolo, fino a guidare la compagine societaria dell’Adriavolley, che militò in A1 maschile nella stagione 2003-2004.

“In quella stagione consacrammo atleti azzurri, come Loris Manià e Simone Buti, e Buti è uno dei giocatori della Nazionale di oggi”. Rigutti, che continua a sostenere il volley, è anche presidente del Confidi Trieste e vicepresidente di Confcommercio; ora scorre con trepidazione il conto alla rovescia per l’avvio del Mondiale, dal 23 settembre al 5 ottobre di scena al PalaTrieste (PalaRubini).

“Il Comitato organizzatore sta facendo sì che sia un evento che porti a far conoscere Trieste nel mondo, per le sue bellezze e per le sue peculiarità di città multietinica e per la sua capacità di ospitare grandissime manifestazioni”.
Il presidente del COL sa che il girone triestino ha un asso nella manica. “Tutti gli occhi del mondo sono puntati sul Brasile, campione olimpico uscente e neocampioni della World Grand Prix 2014: queste grandi giocatrici danno lustro al PalaTrieste e offriranno spettacolo”.

Brasile, Turchia, Serbia, Bulgaria, Canada e Camerun sono le Nazionali che calcheranno il parquet triestino. Per la Serbia la presenza nel capoluogo giuliano ha un significato particolare. “Il riferimento alla multietnicità di questa città s’indirizza benissimo alla Serbia, che qui vanta un’importantissima comunità, con legami storicamente saldi e destinati a rafforzarsi sempre più nella nuova Europa”.

Un’altra chiave vincente di Trieste è il suo impianto. “Nelle precedenti manifestazioni il PalaTrieste/PalaRubini ha sempre riscosso gli apprezzamenti della Federvolley Italiana, della CEV (Confederazione Europea Volleyball) e soprattutto della FIVB (Federazione Internazionale Volleyball) e ciò si è ripetuto anche nella scorsa partita Italia-Iran di World League maschile. La nostra organizzazione e il nostro impianto sono stati valutati al massimo grado”. Rigutti osserva che proprio le felici caratteristiche strutturali del PalaTrieste permettono di assaporare fino in fondo lo spettacolo pallavolistico. “Dal vivo – spiega – si può apprezzare molto bene la velocità del gioco in un impianto che sembra fatto apposta per questo sport”.

Per favorire l’afflusso del pubblico il Comitato organizzatore di Trieste ha predisposto un’offerta di prezzi per biglietti e abbonamenti che – ne è certo Rigutti – “è tale da garantire una presenza di molte persone. Nelle partite del mattino, previste nella prima fase, ci sarà una grande affluenza di ragazzi e di giovani grazie anche agli accordi intercorsi con i rappresentati degli istituti scolastici. Inoltre c’è la formula del biglietto pomeridiano-serale che permette ad assistere a due partite al prezzo di un unico biglietto”. Tutti i prezzi sono indicati proprio sul sito www.triestevolley2014.it.

“Star seduto su un numerato di tribuna a 33 euro credo sia un prezzo veramente competitivo. Inoltre un abbonamento per la prima fase di 15 partite con 106 euro per la tribuna numerata, 76 euro per il primo anello e 33per il secondo credo costituiscano un’ottima opportunita’”.

Infine, la macchina organizzativa del Mondiale trova linfa essenziale nell’apporto dei volontari, “che – spiega Rigutti – devono essere preparati e in numero importante, anche perché nella prima parte si disputano tre partite al giorno. Ben vengano quindi ulteriori adesioni, che possano unirsi a coloro che sono già formati e collaudati. Le porte – conclude il presidente del Col – sono sempre aperte per gli appassionati della pallavolo che vogliono partecipare in prima persona a un evento straordinario”.