TABLETquotidiano

L'informazione on line

TRE INTERVENTI CNSAS IN FVG, GRAVE UN’ANZIANA SCIVOLATA IN UN DIRUPO

Frattura in forra per una donna e caduta nel Torrente Arzino per un ragazzo

Tre incidenti in montagna si sono verificati nelle ultime ore in Friuli Venezia Giulia. Attorno alle 16, sul versante est del monte Veltri, nel gruppo del Col Gentile, una donna, di 70 anni, che era in compagnia di figlia e nipote, è scivolata in un dirupo, rimanendo ferita in maniera gravissima. Sul posto le squadre di terra delle stazioni del Cnsas di Forni Avoltri e Forni di Sopra (Udine) e l’Elisoccorso Fvg.

Vito d’Asio (PN) – Intorno alle 14 anche la stazione di Maniago è stata attivata per un intervento sulle acque, questa volta sul Torrente Arzino, in località Curnila dove alcuni ragazzi cercavano refrigerio. Qui un diciannovenne è scivolato in un tratto ripido nell’acqua ed è finito in una pozza dalla quale non riusciva più né a salire, né a scendere: poco sotto la pozza sfociava infatti in un saltino con cascata. I soccorritori, 8 persone del Soccorso Alpino, assieme ai Vigili del Fuoco hanno effettuato assieme le operazioni di recupero, calandosi nel torrente con la corda per cinque metri e recuperando con un paranco il ragazzo sulla sponda.

Chiusaforte (UD) – Incidente anche in mattinata intorno alle 11.30 nella forra del Rio Simon, un canyon che è diventato una classica discesa per gli appassionati tra le Alpi Carniche Orientali. Qui una donna si è procurata una frattura mentre camminava lungo il greto del torrente Simon in un tratto facile. La donna ha appoggiato il piede su un sasso mobile e perdendo l’equilibrio ha fatto leva tra altri sassi infortunandosi. L’incidente è avvenuto quasi all’inizio della forra. Tra i partecipanti all’escursione c’era anche un soccorritore alpino della stazione di Moggio Udinese il quale, dopo aver stabilizzato l’arto della donna, ha proseguito assieme ad un compagno le calate fin dove il telefono ha riacquistato campo sufficiente per avvisare i soccorsi – ovvero quasi all’uscita – allertando, dopo circa un’ora e mezza, il NUE 112. Sul posto è stato inviato l’elisoccorso regionale, al pilota è stata fornita dal soccorritore alpino la posizione precisa e le indicazioni sulla possibilità di effettuare con agio una verricellata e la donna è stata in breve recuperata e condotta in ospedale. Per l’intervento si sono attivati cinque soccorritori del Soccorso Alpino della stazione di Moggio e la Guardia di Finanza di Tolmezzo.