TABLETquotidiano

L'informazione on line

SANITA’: CONFICONI (PD), ATTIVARE CORSO LAUREA IN ASSISTENZA SANITARIA

Il consigliere regionale Nicola Conficoni (Pd)

“Tra le questioni irrisolte nella sanità c’è quella della formazione degli assistenti sanitari, che nella nostra regione sono la metà della media nazionale. Un tema sottovalutato e lasciato a secco in occasione dell’Assestamento di bilancio estivo, nonostante la richiesta della categoria portata in Aula con un nostro emendamento, che ora, con il riacutizzarsi della pandemia, si ripropone insieme alla necessità di rafforzare i dipartimenti di prevenzione”.

A dirlo è Nicola Conficoni, consigliere regionale del Pd, che con una nota annuncia un ordine del giorno collegato alla prossima legge di assestamento, per impegnare la Giunta Fedriga nell’attivazione del corso di laurea in assistenza sanitaria nelle università di Udine e Trieste.

“L’emergenza Covid-19 ha evidenziato l’importanza dei dipartimenti di prevenzione, che stanno compiendo uno sforzo encomiabile e abbisognano di tempestivi rinforzi. Oltre ad assumere subito nuovo personale per contrastare più efficacemente la diffusione dell’epidemia, però – evidenzia Conficoni -, bisogna intervenire anche per garantire un sistema più solido in futuro”.

“Gli assistenti sanitari – argomenta il dem – sono quelli che in questa fase si stanno occupando anche dei tamponi, del tracciamento, dell’informazione. Il corso di laurea più vicino per la loro formazione è stato attivato dall’università di Padova a Conegliano, una collocazione che, come dimostra l’insufficiente numero di addetti in servizio inferiore alla media nazionale, da anni complica il reclutamento di nuovo personale nella nostra regione, in particolare nelle province di Udine e Trieste”.

“Nei prossimi anni, andranno in quiescenza numerosi operatori. Per facilitarne la sostituzione è fondamentale attivare da subito un corso anche in Friuli Venezia Giulia. Già una volta il Centrodestra ha bocciato la nostra richiesta, di stanziare in Assestamento 210mila euro in tre anni per le università di Udine e Trieste. Speriamo in un ripensamento perché le divisioni politiche, su un tema così rilevante, vanno messe da parte. E’ una questione di buon senso per rafforzare il Sistema sanitario regionale”.