TABLETquotidiano

L'informazione on line

SALUTE: RICCARDI, MINISTERO CONFERMA ECCELLENZA RICERCA CRO E BURLO

Il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi
“Il Cro di Aviano e il Burlo di Trieste continuano a essere due eccellenze per un Friuli Venezia Giulia che sta investendo con determinazione nella ricerca scientifica sia con precisi interventi di carattere economico che con la costante implementazione di adeguate figure professionali”.

Il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, commenta così la pubblicazione, sabato in Gazzetta Ufficiale, del decreto del Ministero della Salute che conferma al Centro di riferimento oncologico di Aviano il riconoscimento del carattere scientifico per la disciplina Oncologia e all’Irccs Materno Infantile Burlo Garofolo di Trieste la definizione di ospedale di alta specializzazione e di rilievo nazionale per la salute della donna e del bambino.

“Il nosocomio triestino, che – ricorda Riccardi – ha ottenuto il riconoscimento di Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) già nel 1968, è l’unica realtà del suo genere in tutto il Triveneto e una delle strutture più rinomate e importanti a livello nazionale insieme al Gaslini di Genova e al Bambin Gesù di Roma. Questo è un risultato che premia il grande lavoro svolto dai ricercatori del Burlo”.

“Il Cro di Aviano, invece, è diventato Irccs nel 1990 e da allora – sottolinea il vicegovernatore – ogni due anni viene sottoposto, sulla base della normativa vigente, alla procedura di conferma. Il giudizio positivo espresso anche in questa occasione dal Ministero è l’ennesima dimostrazione di quanto l’attività clinica e quella di ricerca riescano a completarsi e a sostenersi a vicenda”.

“Queste due realtà rappresentano il fiore all’occhiello di una Regione che sta investendo sul processo di qualificazione dell’attività scientifica. Andremo avanti a sostenerle in un’ottica lungimirante affinché la ricerca – afferma Riccardi in conclusione – possa rimanere uno dei punti di forza del Friuli Venezia Giulia attraverso lo sviluppo di progetti innovativi e una attenta dotazione di personale, tecnologie e spazi”.