TABLETquotidiano

L'informazione on line

RISCHIO EBOLA: ZIBERNA (FI), CHE RISCHI CORRIAMO E COSA STA FACENDO LA REGIONE?

Ziberna RodolfoMedia e siti internet hanno reso noto, sebbene quasi in sordina, che in Italia è allerta Ebola, tanto che altri paesi in Europa hanno allertato le rispettive strutture sanitarie.

Che non si tratti di un eccesso di allarmismo lo si capisce dal fatto che, sebbene in ritardo rispetto agli altri paesi europei, con una circolare emanata il 4 aprile il Ministero alla salute italiano raccomanda di adottare ogni utile azione di vigilanza in riferimento ad arrivi indiretti” dalla Guinea e altri Paesi confinanti dell’Africa, qualora si riscontrino sintomi riconducibili alla malattia in atto. Sono stati allertati il Ministero della Difesa, le Regioni, l’ENAC, la Croce Rossa e l’Istituto Nazionale per le Malattie infettive. Ad ognuna di queste, il dicastero indica cosa fare.

Va precisato per non generare allarmismo “che l’OMS non raccomanda, in base alle informazioni correnti disponibili, restrizioni a viaggi o a rotte commerciali da applicare ai Paesi interessati da questo evento”.

Alla luce anche dell’ondata di clandestini che in questi giorni stanno giungendo nel Friuli Venezia Giulia (in questi giorni 50 a Pordenone ed altrettanti a Udine) il vice presidente di Forza Italia in Consiglio regionale, Rodolfo Ziberna, ha presentato una interrogazione alla Presidente ed all’assessore regionale alla sanità con cui chiede di conoscere se la nostra regione corre dei rischi e che misure sono state adottate.