TABLETquotidiano

L'informazione on line

REGIONE: ZILLI (LN), NEI COMUNI PROFUGHI ALL’INSAPUTA DEI SINDACI

Nuova interrogazione per l’assessore Torrenti in merito alla gestione degli immigrati in Friuli Venezia Giulia

“L’assessore Torrenti perde il pelo ma non il vizio. A Muzzana arrivano profughi e l’amministrazione comunale non ne sa nulla. Perché la Regione, non provvede a informare le comunità degli accordi che vengono presi tra privati e Prefettura, dal momento che è costantemente in contatto con quest’ultima sulla gestione degli immigrati?”

Se lo chiede Barbara Zilli, consigliere regionale della Lega Nord, che annuncia il deposito di una nuova interrogazione per l’assessore Torrenti in merito alla gestione degli immigrati in Friuli Venezia Giulia.

“Non è possibile che i sindaci siano ancora una volta scavalcati in questo modo: è evidente che così vengono messi in difficoltà davanti ai loro cittadini svuotandoli, di fatto, del loro ruolo. Ma in merito a questo abbiamo capito ormai quale sia la volontà della Giunta, cioè esautorare Comuni e privare il territorio della possibilità di esprimere le proprie istanze”.

“Alla luce del piano immigrazione, che prevede oltre tre milioni di euro tra attività per immigrati e progetti per i richiedenti asilo, è venuto il momento di sapere quali privilegi sono loro riconosciuti in base alle convenzioni sottoscritte dalle associazioni che gestiscono l’immigrazione con la Regione e la Prefettura, visto che in più centri di questa regione sappiamo che la loro integrazione passa anche attraverso ore di svago in palestra pagate con soldi pubblici”.

“In ogni caso, la sorpresa di Muzzana è l’ennesima dopo Musi, Cavazzo e Villa Santina. Chissà, magari un giorno o l’altro i cittadini di questa regione si troveranno in casa propria ospiti a loro insaputa”.