TABLETquotidiano

L'informazione on line

REGIONE: ZILLI (LN), BONUS AL TERRORISTA, E I CITTADINI DEL FVG?

“I criteri vanno immediatamente rivisti e la Giunta deve intervenire subito”

Sul caso del macedone di Azzano Decimo fermato con l’accusa di arruolamento con finalità di terrorismo che ha beneficiato del bonus che spetta ai disoccupati a basso reddito interviene anche la consigliera regionale Barbara Zilli (LN), che fa sapere, in una nota, di aver presentato un’interrogazione alla Giunta per “chiedere immediatamente di rivedere i criteri di assegnazione, nonché avere un’indicazione da parte della Giunta per capire quanti sono i cittadini stranieri che beneficiano della misura di sostegno al reddito”.

“Mi metto nei panni di tutti quei cittadini del Friuli Venezia Giulia che hanno sempre lavorato onestamente e che ora si trovano in difficoltà – dice Zilli – ma che purtroppo a causa dei criteri di assegnazione delle misure di sostegno al reddito si vedono negato il sussidio. E poi vengono a scoprire che un presunto jihadista ottiene il sussidio dalla Regione. Non è possibile che vengano concessi questi aiuti anche a coloro che sono clandestini mascherati da profughi, con tutti i rischi che questo comporta”.

“Avevamo più volte denunciato le falle di una misura che avrebbe finito per aiutare soltanto immigrati e clandestini, ora ne abbiamo la prova – aggiunge l’esponente della Lega Nord – I criteri vanno immediatamente rivisti e la Giunta deve intervenire subito, sia sull’organizzazione complessiva degli aiuti, sia per quanto riguarda i controlli, soprattutto nell’ambito dei richiedenti asilo”.