TABLETquotidiano

L'informazione on line

PROFUGHI: CIRIANI (FDI/AN), BASTA CON L’ACCOGLIENZA INCONTROLLATA

“Non possiamo più permetterci di prostrarci all’ideologia suicida dell’accoglienza incontrollata. Prima deve venire la nostra sicurezza”

“Espulsione immediata, senza se e senza ma, per i profughi responsabili di reati, comportamenti pericolosi o potenzialmente pericolosi, o fuori dalle regole del vivere civile”.

Così il consigliere regionale di Fratelli d’Italia/AN, Luca Ciriani, in seguito alla violenza sessuale commessa da un profugo afghano su una degente all’ospedale di Pordenone, nel reparto di psichiatria dove erano entrambi ricoverati.

“Al di là delle scontate parole di condanna – continua Ciriani – ci chiediamo come mai questa persona non fosse sotto vigilanza, dato che era ritenuta pericolosa. La città si attende massima severità e controllo, anche alla luce di altri preoccupanti episodi, come quello della Fiera vecchia”, aggiunge riferendosi ai profughi che hanno filmato le ragazzine dei corsi di danza.

“E’ necessaria una verifica severa di queste persone – prosegue l’esponente di FdI/AN – anche da parte delle strutture che le ospitano e che hanno il dovere di segnalare ogni individuo o situazione non consona alle regole del vivere civile. Le cronache di questi giorni hanno dimostrato pienamente, e per l’ennesima volta, che non possiamo più permetterci di prostrarci all’ideologia suicida dell’accoglienza incontrollata. Prima deve venire la nostra sicurezza”, conclude Ciriani.