TABLETquotidiano

L'informazione on line

PORTO MONFALCONE: ESITI CONFERENZA DEI SERVIZI SU ESCAVO

“Tutti gli Enti hanno espresso parere favorevole sul progetto definitivo, mentre il Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche ha fornito un parere interlocutorio e non definitivo”

Alla presenza dell’assessore regionale alle Infrastrutture e al Territorio del Friuli Venezia Giulia Mariagrazia Santoro si è tenuta oggi a Trieste la Conferenza dei Servizi decisoria per i lavori di approfondimento del canale di accesso e del bacino di evoluzione del Porto di Monfalcone.

Facendo seguito alla conferenza istruttoria del 21 dicembre 2015, oggi sono stati raccolti i pareri sul progetto definitivo, aggiornato dopo il recepimento delle prescrizioni del decreto di Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA).

Alla conferenza erano presenti rappresentanti del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) con la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia, dei Servizi della Regione Friuli Venezia Giulia del Paesaggio e Biodiversità, valutazioni ambientali, geologico-idrico-ambientale, della Provincia di Gorizia, del Comune di Monfalcone, del Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per il Veneto – Trentino-Alto Adige – Friuli Venezia Giulia, dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria (AAS) n. 1 Triestina, dell’Azienda speciale per il Porto di Monfalcone, della CCIAA di Gorizia, del Consorzio per lo sviluppo industriale del Comune di Monfalcone, dell’ARPA FVG e della Capitaneria di Porto di Monfalcone.

Tutti gli Enti hanno espresso parere favorevole sul progetto definitivo, mentre il Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche ha fornito un parere interlocutorio e non definitivo. Per questa ragione allo stesso è stato concesso il termine di un’ulteriore settimana per la formalizzazione del parere definitivo.

“Per ora i pareri raccolti sono tutti positivi – ha commentato l’assessore Santoro – e rimaniamo in attesa anche dell’ultimo parere mancante per poter definire un cronoprogramma realistico per questo fondamentale intervento infrastrutturale, atteso da molti anni dal territorio e dall’Istituzione Regione”.