TABLETquotidiano

L'informazione on line

MUSICA: ANCI, NO A DIRITTI SIAE PER SPETTACOLI LIVE GRATUITI

L’assessore alla Cultura di Torino, Maurizio Braccialarghe, delegato a rappresentare il comparto della Cultura nell’ambito dell’Anci, propone al Governo a nome Anci una misura innovativa in materia di diritti d’autore: si dovrebbe consentire di non far pagare i diritti Siae sugli spettacoli dal vivo gratuiti e minori, quelli che prevedono una partecipazione massima di 200 persone.

“Se questo strumento passasse – ha commentato l’assessore, che ha avuto per l’Anci un incontro con il ministro della Cultura, Dario Franceschini – le iniziative di intrattenimento crescerebbero in misura significativa in diversi locali pubblici”. Secondo Braccialarghe, una misura di questo tipo da un lato darebbe occasione di maggiore valorizzazione a molti musicisti; dall’altro in molte città avrebbe un effetto positivo sulla cosiddetta ‘movida’.

Aumentando il numero di spettacoli dal vivo si creerebbero infatti le condizioni di distribuire il pubblico “notturno” in modo diverso: anziché vederlo concentrato nelle zone della movida, con una maggiore offerta di spettacoli la gente si distribuirebbe maggiormente. Per Braccialarghe, infine, “è necessaria una interpretazione dell’attuale regolamento Siae per chiarire il pagamento dei diritti d’autore”.