TABLETquotidiano

L'informazione on line

MONFALCONE: TAVOLINI, SEDIE E ARREDI A ZERO TOSAP PER MICRO IMPRESE

Il sindaco di Monfalcone, Anna Maria Cisint

Tavolini, sedie e arredi a zero Tosap su tutto il territorio comunale per i micro imprenditori: il Comune di Monfalcone introduce l’ampliamento delle concessioni di suolo pubblico per permettere ai gestori di esercizi pubblici di fare i conti con il necessario distanziamento sociale richiesto dagli accorgimenti di contenimento del contagio mantenendo un numero di clienti adeguato a fronteggiare i costi di gestione. La misura, valida non solo nelle aree pedonali ma anche sui marciapiedi e negli spazi esterni cittadini dove possibile, è prevista da una delibera che è stata approvata dalla giunta Cisint, in aggiunta alla riduzione della Tari e all’abbattimento di Tosap e pubblicità già previsti dal bilancio. Un aiuto concreto che deriva dall’analisi della situazione, da vari sopralluoghi e dal costante confronto con gli addetti ai lavori, oltre che un modo per rivitalizzare le varie aree cittadine, non solo quelle centrali ma anche quelle periferiche.

“Ringraziamo il presidente Fedriga perché la riapertura dal 18  è una notizia importante. – dichiara il sindaco Anna Maria Cisint – Le micro imprese di Monfalcone, nel periodo di chiusura, si sono già mosse per essere pronte a rispettare le misure di sicurezza che la situazione impone”.

“Anche noi come Comune – aggiunge il primo cittadino – ci siamo attrezzati, mettendo a disposizione un fondo per i micro imprenditori con criteri che abbiamo condiviso con le categorie e riducendo la Tari del 50 per cento. Ricordo peraltro che per il 2020 abbiamo esonerato dal pagamento della Tosap tutte le micro attività comprendendo le difficoltà economiche che l’emergenza sanitaria ha causato e causerà”.

“Nel contempo abbiamo intrapreso un’altra azione, perché per la ripartenza le attività devono tener conto del distanziamento sociale che inevitabilmente determina una riduzione degli spazi per la clientela. Quindi abbiamo approvato una delibera con cui mettiamo a disposizione tutto il territorio comunale per le occupazioni temporanee, consentendo perciò alle attività di allargarsi negli spazi esterni”, spiega Cisint.

Questa settimana sarà portata a termine la verifica dei fabbisogni con una mail a tutti i micro imprenditori, che poi comunicheranno le rispettive esigenze. La prossima settimana saranno tirate le somme: per evitare rallentamenti o complicazioni determinati dalla burocrazia sarà fatta un’unica autorizzazione eccezionale per il 2020 per tutte le attività commerciali interessate, sulla falsariga di quanto già sperimentato in occasione dello Sbaracco.

Una misura riguardante tutto il territorio comunale, quindi aree meno centrali e Marina Julia comprese.

Potranno beneficiarne non solo gli esercizi di somministrazione, ma micro imprese di varie tipologie commerciali. Nella mappatura che è stata elaborata dai tecnici si tiene conto ovviamente di aspetti come passi carrai e punti di criticità, nel rispetto di quanto previsto dal Codice della strada.