TABLETquotidiano

L'informazione on line

MONFALCONE: DA “SETTEMBRE InVita” IMPORTANTE DONAZIONE ALL’OSPEDALE

Strumentazioni e materiale sanitario per un valore di oltre 17mila euro.

“La generosità dei cittadini del Friuli Venezia Giulia, sotto tutti i punti di vista, è stata il filo conduttore che ha caratterizzato questi mesi. In ogni angolo della regione ci sono state iniziative di grande altruismo e il nostro sistema del volontariato è stato straordinario in ogni campo, dall’assistenza alle persone in difficoltà, alle raccolte di fondi, alle donazioni di strumenti utili per tutelare la salute delle persone”.

È questo il messaggio lanciato dal vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, durante la cerimonia di donazione all’Ospedale San Polo di Monfalcone da parte dell’Associazione Settembre InVita, alla quale erano presenti anche i consiglieri regionali Giuseppe Nicoli e Diego Moretti, di una strumentazione per il monitoraggio di pazienti ricoverati in osservazione a causa del Covid-19, di 4 televisori per i reparti di medicina, di materiale sanitario (dispositivi di protezione individuale e termometri a distanza) per un valore di oltre 17mila euro.

Riccardi ha evidenziato che “ringraziando Settembre InVita, che è una realtà creata da carabinieri e quindi è composta da persone con un grande senso del dovere e votate alla generosità nei confronti della comunità, desidero esprimere il più profondo ringraziamento della Regione a tutto il sistema del volontariato del Friuli Venezia Giulia, che ha come punto di riferimento fondamentale la Protezione civile, che ha risposto in maniera straordinaria a un’esperienza molto difficile. Ora la fase acuta pare superata, ma dobbiamo bene che dobbiamo continuare a tenere alta la guardia e osservare con attenzione l’andamento dell’epidemia nelle prossime settimane”.

Il vicegovernatore ha poi esteso il ringraziamento al personale sanitario e a tutti coloro che hanno dato il proprio contributo nella lotta al Covid-19, sottolineando che “l’esito di questa battaglia sarebbe stato molto diverso se non ci fosse la straordinaria volontà di aiutare il prossimo che ha abbracciato tutto il Friuli Venezia Giulia. La generosità dimostrata durante gli ultimi mesi è stata assolutamente trasversale e ha permesso di mettere in campo aiuti concreti, a partire dall’incremento di posti in terapia intensiva, e di questo dobbiamo essere orgogliosi. Ancora una volta il popolo di questa terra non si è spezzato, si è adattato alla situazione, dimostrando grande senso civico e di responsabilità, e si è rialzato facendo tesoro dell’esperienza maturata nel 1976”.

Riccardi, intervenendo assieme al sindaco di Monfalcone, Anna Maria Cisint, e ai vertici dell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina, ha quindi spiegato che “ora la grande sfida è riportare il sistema sanitario alla piena operatività e assicurare che sia pronto ad erogare cure e servizi anche nel caso in cui dovesse farsi carico di un possibile ritorno del contagio. Un quadro nel quale la donazione di dotazioni e apparecchiature tecnologiche all’Ospedale di Monfalcone da parte di Settembre InVita si incardina perfettamente”.