TABLETquotidiano

L'informazione on line

MIGRANTI: OGGETTI DATI ALLE FIAMME AL CPR DI GRADISCA, CARABINIERE CONTUSO

Oggetti, vestiti e suppellettili sono stati dati alle fiamme all’interno del Cpr di Gradisca d’Isonzo (Gorizia) ieri sera durante un tentativo di rivolta da parte dei migranti trattenuti all’interno della struttura. A quanto si apprende, un carabiniere tra quelli intervenuti per sedare i disordini è rimasto lievemente ferito, dopo essere stato colpito al capo da un oggetto, forse parte di un plexiglass andato in frantumi. Il militare è stato portato in ospedale. Anche un ospite della struttura sarebbe rimasto lievemente ferito.

Nel corso dei disordini, verificatisi nelle stanze e all’ingresso del cpr, alcuni migranti hanno tentato la fuga, ma sono stati bloccati. Secondo una ricostruzione, non ci sarebbero stati contatti o colluttazioni tra le persone trattenute nella struttura e le forze dell’ordine.

Sul posto sono intervenuti, oltre i Carabinieri, anche Polizia, Guardia di finanza, operatori sanitari e vigili del fuoco del Comando provinciale di Gorizia, che hanno spento l’incendio. La rivolta è stata sedata in breve tempo. Sono in corso accertamenti per ricostruire l’accaduto.

 

AGGIORNAMENTO

Tre migranti di nazionalità tunisina trattenuti nel Cpr di Gradisca d’Isonzo (Gorizia) sono stati arrestati dalla Polizia dopo i disordini verificatisi ieri sera all’interno della struttura. Dovranno rispondere di lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e danneggiamento a seguito di incendio.

Secondo una ricostruzione, ieri sera all’interno del Centro di permanenza per il rimpatrio c’è stato un tentativo di fuga da parte di un gruppo di ospiti e sono stati appiccati incendi a materassi e altri oggetti. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine, con i vigili del fuoco, per sedare i disordini e mettere in sicurezza gli ospiti dalle fiamme.

Un carabiniere, durante un momento di tensione, è stato raggiunto da un pezzo di plexiglass andato in frantumi ed è rimasto lievemente ferito al capo. Portato in ospedale è stato giudicato guaribile in alcuni giorni. Non risulterebbero feriti tra i migranti. All’interno del cpr al momento si trovano circa 75 persone. I tre cittadini tunisini arrestati sono stati portati nel carcere di Gorizia.