TABLETquotidiano

L'informazione on line

HONG KONG: ZANIN, SOLIDARIETÀ E PREOCCUPAZIONE PER VIA DELLA SETA

Foto degli scontri a Hong Kong (reuters)

“Quanto sta avvenendo in queste ore a Hong Kong, dove la polizia cinese sta reprimendo con la forza le proteste contro la legge a tutela dell’inno nazionale della Cina, in discussione al Parlamento locale, e quella sulla sicurezza nazionale in arrivo da Pechino, richiama a una dovuta solidarietà rispetto alle rivendicazioni degli hongkonger e, per quanto ci riguarda direttamente, a una più attenta riflessione in merito alle possibili conseguenze e ripercussioni sul territorio degli accordi legati alla Via della Seta”.

È quanto afferma il presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Piero Mauro Zanin, preoccupato “per una costante repressione cinese nei confronti di chi dissente dalla politica governativa, situazione che induce a valutare con estrema attenzione i rapporti economici con la Cina, in particolare quelli per la Via della Seta che coinvolgerebbero ampiamente in primis il porto di Trieste ma, con effetto domino, anche il resto della regione”.

“Abbiamo appena sperimentato durante il lockdown cosa significa essere privati di liberta per noi consolidate – sottolinea Zanin – ed ora siamo impegnati a evitare che i rivoluzionari mediatici di ieri diventino gli sceriffi della mascherina di oggi. A Hong Kong, purtroppo, la realtà è ben diversa e sono messi in discussione i diritti più fondamentali dell’uomo. Serve perciò prevenire – conclude il presidente dell’Assemblea legislativa Fvg – i possibili effetti collaterali di uno sbarco economico in forze della Cina nella nostra regione: a fronte di possibili benefici, infatti, mai vorremmo trovarci di fronte a qualsiasi tipo di rischio per le libertà che, ora più che mai, abbiamo imparato ad apprezzare respiro dopo respiro”.