TABLETquotidiano

L'informazione on line

GORIZIA: ZIBERNA, PER IL 2021 E’ DOVEROSO ESSERE OTTIMISTI

Il sindaco di Gorizia Rodolfo Ziberna

“Con l’arrivo del vaccino sono certo che, finalmente, si sia imboccata la strada per l’uscita dall’incubo della pandemia che ci ha così duramente colpiti e il 2021 sarà l’anno della ripartenza”.

Ne è convinto il sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna che, nel suo saluto di fine anno, si dichiara “doverosamente ottimista” per ciò che riguarda il futuro.

“Dobbiamo rimboccarci le maniche e cominciare già oggi a ricostruire la nostra società, devastata sotto molti aspetti dalla convivenza con il virus, che ha provocato grandissimo dolore a tante famiglie- rimarca-. Anche se siamo ancora in una fase critica abbiamo il dovere di programmare gli interventi per il rilancio di un’economia che, in molti settori, è letteralmente in ginocchio e di un sistema sociale profondamente modificato che vede oggi fra i nuovi poveri intere categorie di lavoratori particolarmente colpiti da questo drammatico evento. Sarebbe un gravissimo errore – attacca Ziberna – se, a livello nazionale, sprecassimo i fondi europei con interventi a pioggia anziché prevedere un’azione strategica volta a riavviare l’economia, cogliendo l’occasione per incentivare l’innovazione ma anche per modernizzare, finalmente, un sistema burocratico che, anche in questa occasione, si è rilevato mefitico. L’Italia è un grande paese e sarà tale anche nella ripartenza se chi la governa saprà dimostrarsi all’altezza”.

Il sindaco parla quindi della sua città, che, sotto l’albero di Natale ha trovato come regalo il titolo, insieme a Nova Gorica, di Capitale della cultura.

“Sono profondamente orgoglioso della mia città – ribadisce – ma non solo per questo ultimo risultato raggiunto. I goriziani hanno saputo affrontare la prova del Covid 19 con straordinario senso di responsabilità ma anche con uno spirito di solidarietà eccezionale affiancando il Comune negli interventi di sostegno alle famiglie e alle attività economiche. Mentre noi tagliavamo tasse, erogavamo contributi e ci impegnavamo con ogni mezzo per non lasciare indietro nessuno e far sentire la vicinanza a ogni persona, ‘abbracciando’ praticamente la città, c’è stata una mobilitazione di massa con donazioni di generi di prima necessità e di denari e, durante le festività natalizie, con il regalo sospeso e con altre iniziative c’è stata una partecipazione straordinaria, al punto che, la distribuzione di ciò che è stato raccolto per le famiglie in difficoltà, sta proseguendo e durerà fino all’Epifania. Senza contare gli operatori economici che non si sono persi d’animo e, in questi mesi, pur se fra mille difficoltà, si sono dati da fare per non lasciarsi abbattere. Ma sono orgoglioso anche per il ruolo di Gorizia in ambito sanitario, il nostro ospedale è stato in prima linea, mettendo in campo il miglior patrimonio umano e professionale, contribuendo a salvare vite e, contemporaneamente, a garantire le prestazioni tradizionali. In questi mesi Gorizia ha dato davvero il massimo e, alla fine, è arrivato lo splendido regalo della Capitale della cultura, che ci permetterà una vera e propria svolta, con un impatto potivo sull’economia e sull’occupazione. Il 2021 vedrà la nostra città ancora al centro di grandi lavori di riqualificazione ma anche della conclusione di alcuni progetto come quello dell’ascensore in castello e del ripristino del Bastione fiorito, con la multimedalizzazione del maniero. In questi mesi non abbiamo mai mollato e ancora di più, nel 2021, dovrà emergere la nostra voglia di vivere e di ripartire”.