TABLETquotidiano

L'informazione on line

GORIZIA: PIZZIMENTI, ACCELERARE RIQUALIFICAZIONE POLO INTERMODALE

Proposta di riqualificazione area stazione degli studenti del Corso di Architettura di Trieste a Gorizia

Incontro con il sindaco Ziberna, presente anche il consigliere regionale Bernardis

“Una conferenza di servizi per accelerare la realizzazione dei programmi di riqualificazione del Polo intermodale di Gorizia e far convivere al meglio la presenza delle stazioni dei treni e degli autobus cittadini”.

E’ la proposta dell’assessore regionale alle infrastrutture, Graziano Pizzimenti che, accompagnato dal consigliere regionale Diego Bernardis, è stato protagonista di un incontro nel Comune di Gorizia con il sindaco, Rodolfo Ziberna. Quest’ultimo, illustrando agli amministratori le ipotesi sul tappeto, ha evidenziato anche alcune urgenze.

“Una delle opere prioritarie, purtroppo frenate dalla micidiale burocrazia che frena ogni volontà di sviluppo, è il parcheggio in piazzale Saba,  a servizio dei viaggiatori della stazione di Gorizia – ha sottolineato Ziberna- e siamo decisi a realizzarlo in tempi brevi, costi quel che costi”.

La riunione, in cui è stata presentata all’esponente della giunta regionale  l’ipotesi di riqualificazione di tutta l’area che ospita la stazione ferroviaria in cui si prevedono importanti modifiche di tutto il sistema logistico e viario, è servita a fare il punto su tempistiche e problematiche dell’intervento ma anche sulla necessità di accelerare i tempi superando tutti gli ostacoli, soprattutto di carattere burocratico e finanziario.

All’incontro erano presenti il vicepresidente dell’Apt, Bruno Pascoli, gli assessori comunali alla mobilità urbana, Stefano Ceretta, ai Lavori pubblici, Arianna Bellan, alle politiche universitarie, Chiara Gatta, alle politiche giovanili, Marilena Bernobich, il consigliere comunale Andrea Tommasella, il dirigente ai lavori pubblici Alessandro De Luisa e altri tecnici.

“Purtroppo i tanti passaggi che accompagnano praticamente ogni opera pubblica stanno rallentando anche questo importante programma di ammodernamento del polo intermodale – ha ricordato il sindaco Ziberna – ed è necessario individuare degli strumenti che ci consentano di velocizzare i procedimenti e arrivare a una tempistica accettabile. Nel frattempo, come Comune, intendiamo verificare la possibilità di realizzare un parcheggio provvisorio in tempi brevi, auspichiamo entro l’anno, su Piazzale Saba perché è inaccettabile che la nostra stazione non abbia un servizio di parcheggio nelle vicinanze per i viaggiatori e ci sia ancora chi utilizza per questo il posteggio dell’ospedale. Quindi intendiamo procedere con una sistemazione provvisoria in attesa dell’intervento definitivo di riqualificazione dell’area”.

A tal proposito sono stati mostrati all’assessore Pizzimenti e al consigliere Bernardis le proposte realizzate dagli studenti del corso di Architettura di Trieste a Gorizia che hanno colpito positivamente gli amministratori.

“Apprezzo molto il coinvolgimento dell’Università per l’ideazione di interventi di riqualificazione della città – ha detto l’assessore regionale Pizzimenti- e anche le idee espresse sull’area della stazione mi sembrano davvero molto interessati. Come Regione sosterremo progetti di miglioramento e di ammodernamento di quest’area e propongo, per velocizzare i tempi e mettere insieme tutti gli interlocutori, una conferenza di servizi che consenta di delineare il percorso migliore da seguire per raggiungere gli obiettivi fissati”.

Anche il consigliere regionale Bernardis ha dato la massima disponibilità a supportare i programmi di sviluppo della città lavorando in sinergia con l’amministrazione comunale.

“Sono molto soddisfatto dell’interessamento dell’assessore Pizzimenti e del consigliere Bernardis  e della vicinanza che stanno dimostrando verso la nostra città – ha commentato al termine dell’incontro Ziberna – Sono certo che questo progetto, insieme ad altri di cui abbiamo parlato oggi, troveranno il pieno appoggio della Regione”.

Proposta di riqualificazione area stazione degli studenti del Corso di Architettura di Trieste a Gorizia