TABLETquotidiano

L'informazione on line

GORIZIA: CASO COVID-19 ALL’ASILO, DAL SINDACO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE

La struttura dovrebbe riaprire martedì se i tamponi saranno negativi

“Eravamo consapevoli che sarebbe potuto accadere, ma ugualmente mi dispiace, soprattutto per le famiglie che, ovviamente, si ritrovano a dover affrontare nuovi disagi proprio nel momento in cui speravano di poter recuperare i ritmi di vita normali, anche con le scuole. Ci sarà la massima disponibilità, da parte del Comune a risolvere, ove possibile,  eventuali problematiche legate alla situazione venutasi a creare”.

E’ quanto sottolinea il sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, in merito al caso dell’insegnante dell’asilo di via Max Fagiani, trovato positivo a Covid19.

“Da quanto risulta la persona contagiata , cui faccio tanti auguri, sta bene e l’Azienda sanitaria ha comunicato che saranno effettuati i tamponi non solo a chi è venuto in contatto diretto con lei ma a tutti il personale e a bambini e genitori delle due classi coinvolte- spiegano Ziberna e l’assessore al welfare, Silvana Romano-. Se non ci saranno casi positivi la scuola, sottoposta nel frattempo a sanificazione, sarà riaperto martedì prossimo”.

Il sindaco esprima la sua gratitudine al personale del Comune “che da settimane sta lavorando senza tregua per consentire la riapertura delle scuole con meno disagi possibili per le famiglie e che, quando si è avuta la notizia del caso positivo, nel tardo pomeriggio di lunedì, è rientrato in servizio per avvertire le famiglie ed effettuare tutte le procedure previste dagli specifici protocolli”.

Il sindaco ritiene che si debba comunque andare avanti. “Casi come questo, pur con genesi diverse, stanno accadendo in tutte le città e si deve imparare ad affrontarli perché questa situazione durerà sicuramente ancora per diversi mesi. Quindi, dobbiamo cercare di capire come gestirli al meglio e aiutare le famiglie che ne rimangono coinvolte. Chiedo quindi a tutti di tenere duro e , come ho detto, se ci sono problemi, rivolgersi al Comune per risolverli. Ancora una volta la collaborazione sarà l’arma vincente per uscire in tempi brevi da situazioni come questa”.