TABLETquotidiano

L'informazione on line

FIERE: SANTORO (PD), UDINE-GORIZIA SPA ENTE SENZA GUIDA E FUTURO

La consigliera regionale del Pd, Mariagrazia Santoro

“Sull’ente fieristico Udine e Gorizia Fiere spa non esiste né una guida né tantomeno un piano strategico per il rilancio. Sul versante regionale l’assessore Bini se ne lava le mani giustificandosi con il fatto che la Regione non ha quote. Dall’altra, il sindaco di Udine, Fontanini, che avrebbe pieno titolo per decidere, non decide un bel nulla, con l’assurda messa in vendita delle quote. Il risultato è che, a causa di una lunga agonia in cui si sta colpevolmente lasciando l’ente, si sta perdendo un asse strategico importante per il territorio e per il suo tessuto economico e produttivo”.

A dirlo in una nota è la consigliera regionale del Pd, Mariagrazia Santoro che oggi in Aula ha presentato un’interrogazione alla Giunta regionale per fare chiarezza sul futuro e sull’impiego delle risorse per gli investimenti Ente Udine e Gorizia Fiere spa.

“Con le dichiarazioni in Aula dell’assessore Bini – evidenzia la dem – è apparso chiaro che nella testa di Regione e Comune di Udine non esiste un futuro per la Fiera. Dei 9,5 milioni di euro di risorse a disposizione per realizzare opere infrastrutturali solo tre sono stati destinati ad alcuni interventi. Bini finge di non centrare nulla in tutta la vicenda, peccato che il direttore di PromoTurismoFvg, che egli stesso ha voluto alla guida del turismo regionale, sia anche amministratore unico di Udine e Gorizia Fiere spa e che gli uffici di PromoTurismoFvg si siano trasferiti nella sede di Martignacco dell’ente fieristico”.

“Queste non sono coincidenze – sottolinea la consigliera dem – ma il frutto dell’intervento dell’assessore regionale nelle dinamiche della Fiera. A questo si somma l’assurda posizione lassista di Fontanini che oltre a volersi sbarazzare delle quote azionarie, sta creando confusione con ipotesi di destinare gli spazi fieristici ad alcune scuole o a scopi sanitari”.

FIERE: BINI, IDEA DELLA REGIONE E’ CHIARA, VERSO ENTE UNICO