TABLETquotidiano

L'informazione on line

FASE 2: CONFICONI (PD), ASFO RIPRISTINI VISITE ED ESAMI

Il consigliere regionale Nicola Conficoni (Pd)

“Per un graduale ritorno alla normalità è necessario che anche l’Azienda sanitaria Friuli Occidentale (Asfo) supporti la Fase 2, accentuando l’impegno sul versante della prevenzione, ripristinando i servizi riorganizzati per affrontare l’emergenza e approntando un Piano di recupero di visite ed esami temporaneamente sospesi”.

A chiederlo in una nota è il consigliere regionale del Pd, Nicola Conficoni.

“Grazie alla strategia delle aperture differenziate sposata dal Governo, anche nella nostra regione lunedì 18 maggio riapriranno numerose attività economiche. Per consolidare questo importante risultato, figlio dello straordinario impegno collettivo profuso per contrastare l’epidemia – fa presente Conficoni – è fondamentale tenere sotto controllo la ricaduta dei contagi”.

In particolare, il consigliere sottolinea che “seppure il Friuli Venezia Giulia risulti essere una delle Regioni più virtuose nell’eseguire i tamponi, a Pordenone se ne fanno molti meno rispetto agli altri territori. Proprio per questo è fondamentale che l’Asfo aumenti la sua capacità di risposta alle esigenze di un territorio attualmente penalizzato”.

“Nel ritorno alla normalità – evidenzia l’esponente dem – è necessario in particolare ripristinare l’offerta a Maniago e Sacile, dove sono stati operati dei tagli, riportare al Santa Maria degli Angeli di Pordenone il reparto di oncologia trasferito al Cro di Aviano e riassegnare all’hospice di San Vito al Tagliamento la sua funzione”.

“L’annunciata ripresa di visite ed esami – conclude Conficoni – va accompagnata con un piano straordinario che consenta di limitare le liste di attesa allungatesi in seguito all’interruzione delle prestazioni”.