TABLETquotidiano

L'informazione on line

ECONOMIA CONFINE: BERNARDIS (LEGA), DA M5S MENO POLEMICHE E PIU’ AZIONI

Diego Bernardis, consigliere regionale della Lega

“Se non parlassimo di posti di lavoro, prosperità, possibilità di sviluppo e tenuta di un intero sistema economico, avrei fatto anche a meno di rispondere alle parole della consigliera regionale Ilaria Dal Zovo (M5S). Tuttavia, per quanto premesso, ricordo che al Governo del Paese siedono esponenti del suo stesso movimento e che sarebbe ora li interpellasse per contribuire fattivamente alla soluzione del problema”.

Lo afferma in una nota il consigliere regionale Diego Bernardis (Lega), replicando “alla nota stampa dell’esponente grillina, Ilaria Dal Zovo, relativamente alla tematica dell’economia di confine”.

“La Lega – aggiunge l’esponente del Carroccio – ha portato in Consiglio regionale una mozione approvata all’unanimità e il cui seguito è stato un tavolo di lavoro a cui siedono il presidente Massimiliano Fedriga e membri della sua Giunta, alcuni sindaci e portatori di interesse. Inoltre, la quasi totalità dei Comuni del Goriziano ha già approvato una mozione a supporto dell’iniziativa e sono state depositate in Parlamento un’interrogazione parlamentare ai ministri dell’Economia e dello Sviluppo economico, oltreché una proposta di legge firmata da tutti gli esponenti della Lega del Friuli Venezia Giulia e un’interrogazione in europarlamento. Questi sono atti concreti, non parole e polemiche che non fanno il bene di nessuno se non di chi è in cerca di visibilità”.

“Stiamo parlando di una tematica seria, da cui dipendono il futuro di famiglie e centinaia di posti di lavoro. Non è accettabile – conclude Bernardis – che il Movimento 5 Stelle intenda affrontarlo in modo ideologico e solo per puro spirito di opposizione inconcludente. Le porte sono aperte a tutti e la volontà di collaborare c’è, a patto che il contributo sia propositivo e abbia come finalità lo sviluppo e la prosperità dei nostri territori che soffrono la mancanza di strumenti per armonizzare l’economia di confine”.

CARBURANTI: DAL ZOVO (M5S), SERVE SOLUZIONE STRUTTURALE