TABLETquotidiano

L'informazione on line

DPCM: BORDIN (LEGA), GOVERNO NAZIONALE IGNORA INDICAZIONI REGIONI

Il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Mauro Bordin

“Davanti a decreti che arrivano a tarda notte e che diventano operativi la mattina successiva, privi dei contributi forniti dalle singole Regioni è impensabile non essere preoccupati”.

Lo afferma in una nota il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Mauro Bordin, in merito al nuovo Dpcm approvato nel corso della notte.

“Le ricadute economiche di questo Dpcm saranno molto penalizzanti per alcune categorie e chiediamo che i sacrifici vengano riconosciuti e ristorati. Le Regioni – continua l’esponente del Carroccio – si sono mosse con spirito collaborativo e il fatto di non essere state ascoltate lascia rammaricati. Rimane anche la sensazione di un Governo che, ripetendo quanto già accaduto in primavera, vuole fare tutto da solo per scaricare i suoi errori sulle Regioni”.

“Il parere della Conferenza delle Regioni era condizionato alle osservazioni inviate al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Non essendo state recepite, è perciò negativo. Sorprende – conclude Bordin – che alcuni esponenti del Partito democratico, nonostante la loro lunga esperienza politica, non conoscano nemmeno i basilari elementi legislativi”.