TABLETquotidiano

L'informazione on line

DIGITALE: HONSELL (OPEN FVG), DDL SOFTWARE LIBERO CONTRO PROFILAZIONI

Furio Honsell, consigliere regionale di Open Sinistra Fvg

“La legge 134/2012 ha modificato in maniera sostanziale l’articolo 68 del codice dell’amministrazione digitale, introducendo nella norma l’obbligo di effettuare analisi comparative di soluzioni. Purtroppo, si è visto anche in occasione della transizione on-line di molte amministrazioni pubbliche e scuole a seguito della pandemia, che quasi tutte hanno utilizzato software proprietario. Questo espone gli utenti a profilazioni indesiderate e rischia di fare perdere l’ennesima occasione di affrancarsi dai monopoli informatici, eliminando straordinarie opportunità di lavoro nel nostro paese”.

Lo afferma in una nota il consigliere regionale di Open Sinistra Fvg, Furio Honsell, annunciando la decisione di proporre una legge sul Software Libero a livello regionale che possa creare posti di lavoro e faccia passare il Friuli Venezia Giulia da regione che consuma software a regione che ne produce. La legge si articolerà in varie azioni per il supporto all’uso del software libero”.

Allo scopo di illustrare il provvedimento al pubblico, il Gruppo consiliare regionale Misto ha organizzato un incontro pubblico dal titolo “Verso una legge sull’Open Source – Soluzioni per la didattica e la tutela della privacy dei minori”, in programma domani, mercoledì 23 settembre, dalle ore 16 alle ore 18, all’Auditorium Comelli del palazzo Regione di Udine, in via Sabbadini 31.

“Abbiamo organizzato un incontro – spiega Honsell – con i rappresentanti delle scuole di Udine per promuovere soluzioni libere per le attività scolastiche e per raccogliere spunti e criticità su un tema che riteniamo vitale per l’autonomia futura dei nostri giovani”.

“Pensiamo – conclude il consigliere di opposizione – di presentare a breve questo disegno di legge sulla scorta degli spunti emersi in questo incontro che vedrà tra i relatori uno dei padri del software libero in Italia, Angelo Raffaele Meo, rappresentanti di altre amministrazioni regionali che già lo stanno promuovendo e professionisti del settore quali Alain Modolo, Matteo Ruffoni, Paolo Dongilli e Giorgio Favaro”.