TABLETquotidiano

L'informazione on line

DALLA COMPAGNIA ANA’-THEMA IL PRIMO DRIVE-IN TEATRALE DEL FVG

“Il ‘lockdown’ ha rappresentato un momento di crisi per le associazioni culturali, ma come dimostra la Compagnia ANA’-THEMA, è stata anche l’occasione per cercare forme innovative capaci di arrivare a un pubblico sempre più vasto. Il ‘drive-in’ teatrale è senza dubbio un esempio di come le difficoltà si possono trasformare in opportunità, creando un modello che potrà essere replicato anche in futuro, al fine di rilanciare il settore con le rappresentazioni all’aperto”.

Lo ha evidenziato l’assessore regionale alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, Tiziana Gibelli, intervenendo, nel parcheggio sotterraneo dell’Hotel Astoria di Udine, alla presentazione delle iniziative estive di ANA’-THEMA raggruppate nel titolo ‘Allacciate le cinture”, tra le quali spicca il primo ‘Drive-in’ teatrale del Friuli Venezia Giulia che consentirà agli spettatori di seguire le rappresentazioni a bordo della propria auto e di vedersi anche servire gli snack preferiti.

“Si tratta – ha detto Gibelli che ha voluto intervenire dal sedile di una delle auto che comporranno la scenografia del ‘drive-in’ – del prodotto della forza delle idee che si affianca al desiderio di ripresa della nostra gente, ma anche alla voglia e al bisogno di continuare ad avvicinarsi alla cultura e a quelle espressioni teatrali capaci di catturare l’attenzione di un pubblico eterogeneo. Il programma di ANA’-THEMA rispecchia perfettamente queste caratteristiche, con un calendario rivolto ad adulti e ragazzi, distribuito in diverse località, dove la proposta teatrale viene offerta nel pieno rispetto delle prescrizioni sanitarie”.

“La convivenza con i problemi della pandemia – ha proseguito l’assessore regionale – probabilmente si dovrà protrarre ancora nel tempo, vista l’evoluzione che si registra a livello globale, ed è per questo che anche il mondo della cultura deve adottare le precauzioni necessarie, come sta facendo questa Compagnia, per favorire la prevenzione dei problemi per la salute dei cittadini. Ma, questo, non significa che gli spettacoli si debbano fermare, anzi: ci deve spingere a trovare forme sempre più innovative e ingegnose, per poter proseguire in sicurezza”.

Il ‘drive-in’ è un modello atteso dal pubblico della regione, visto che, per esempio, già questa sera, il primo spettacolo della ripresa delle attività dopo l’emergenza Covid-19 del ‘Teatro Nuovo Giovanni da Udine’, che è in programma nel prato antistante l’ingresso dell’edificio, ha registrato il tutto esaurito.

E così accadrà, com’è previsto, per le visite guidate che si terranno nel corso dell’estate sempre alla principale struttura teatrale udinese, grazie, come ha ricordato l’assessore alla Cultura della città di Udine, Fabrizio Cigolot, alla collaborazione tra ANA’_THEMA e la Fondazione Teatro Nuovo ‘Giovanni da Udine’.

Il ‘Drive-in’ di ANA’-THEMA sarà allestito il 16, 23 e 30 luglio, con due repliche serali, alle 19 e alle 21.30, nell’arena naturale di Cassacco, dove sarà rappresentato lo spettacolo ‘Ricordi e canzonette’, viaggio tra musica e parole in immersione nell’atmosfera degli anni ’30, ’40 e ’50, il periodo nel quale si svilupparono le prime forme di somministrazione del cibo, ai passeggeri delle auto che parcheggiavano per assistere dalle proprie vetture alle proiezioni cinematografiche all’aperto.

Un’abitudine, poi, resa icona dei giovani degli anni ’70 dalla popolare serie televisiva denominata ‘Drive-in’. Ma questa volta non si tratterà di film, ma di musica e teatro ai quali il pubblico assisterà dall’auto, consumando i cibi che verranno serviti nel park dell’arena di Cassacco.

Come ha anticipato Luca Ferri, direttore artistico di ‘ANA’-THEMA’, la Compagnia proporrà anche un nuovo spettacolo itinerante: ‘Peter Pan’, rivolto ai ragazzi ma anche agli adulti, nella Grotta Gigante di Sgonico, a Venzone, al Castello di Udine e a Cimolais.

Sempre nel programma della Compagnia, le ‘Cene con delitto’; le visite ‘alla scoperta dei misteri di Udine’; le rappresentazioni alla ‘casa estiva’ del gruppo teatrale, cioè la Corte di Osoppo, luogo deputato a proporre lo spettacolo ai più piccini e alle loro famiglie; e spettacoli nei boschi, a Pagnacco e a Cividale.