TABLETquotidiano

L'informazione on line

CULTURA: GIBELLI, “CONCERTI IN BASILICA” VALORIZZANO LUOGHI DELLA STORIA

“Otto appuntamenti tra agosto e settembre, per contribuire a diffondere la cultura musicale, proponendo all’attenzione del pubblico le melodie e i grandi autori della nostra realtà, ma anche per accrescere l’attrattiva turistica dei luoghi simbolo dell’archeologia e delle origini della cultura della nostra terra”.

Lo ha affermarlo l’assessore regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli, intervenendo alla presentazione di “Concerti in Basilica 2020”, che si svilupperà a partire dall’1 agosto tra le Basiliche di Aquileia e di Grado.

“L’iniziativa – ha rilevato Gibelli – rappresenta un’occasione importante per il pubblico, che potrà seguire i concerti sia dal vivo, gratuitamente, che in streaming, sul sito della Fondazione SO.CO.B.A., avendo così la possibilità di apprezzare la bellezza di generi musicali che hanno caratterizzato la nostra storia, ma anche l’attrattiva e peculiarità del nostro patrimonio architettonico e archeologico”.

“Un patrimonio – ha aggiunto – che grazie allo sforzo degli organizzatori della Società per la conservazione della Basilica di Aquileia e dal Coro polifonico di Ruda, verrà valorizzato fungendo da cornice ideale per la conoscenza di un importante repertorio locale di brani di musica sacra: dai drammi sacri medioevali, custoditi nel museo archeologico di Cividale del Friuli, agli autori friulani dell’Ottocento e del Novecento, fino all’avanguardia”.

“L’arte non ha confini – ha aggiunto l’assessore – perché rappresenta un’espressione profonda del pensiero dell’uomo, riflessa attraverso le opere dei compositori. In quest’ottica, sono proprio i personaggi con la semplicità del tratto umano come il Maestro Ennio Morricone – che Gibelli ha voluto ricordare anche in questa occasione – a racchiudere una grande capacità creativa ed espressiva”.

“Il repertorio di Concerti in Basilica – ha concluso l’assessore – saprà trasmettere il sentimento popolare sviluppatosi nei secoli nelle terre aquileiesi”.