TABLETquotidiano

L'informazione on line

BANDA LARGA: CALLARI, BASTA RITARDI SU VOUCHER A FAMIGLIE E IMPRESE

“Non c’è più tempo per ulteriori rinvii: cittadini, famiglie e imprese, di fronte a questa seconda ondata di emergenza Covid-19, sono esasperati e hanno bisogno, ora più che mai, di fruire degli strumenti da tempo promessi per la connessione a banda larga. Non sono più tollerabili i continui ritardi, dovuti a impedimenti tecnici e burocratici, che da mesi stanno ostacolando il percorso di digitalizzazione e creando una situazione di stallo che di fatto vanifica l’impegno del Cobul, malgrado la determinazione dei suoi componenti”.
È quanto dichiarato dall’assessore regionale ai Sistemi informativi Sebastiano Callari, al termine dell’odierna riunione del Comitato per la diffusione della banda ultralarga (Cobul), alla quale ha partecipato in rappresentanza della Conferenza delle Regioni nel suo ruolo di presidente della Commissione speciale Agenda digitale.
“Continuiamo ad analizzare scenari – ha aggiunto Callari – a compiere approfondimenti di tipo normativo, a ragionare sul tetto Isee più opportuno o sull’aumento di banda disponibile per perfezionare una misura, l’erogazione dei voucher, che i cittadini attendono da mesi. I ritardi si susseguono per tecnicismi e burocrazia, mentre cresce l’esasperazione dei cittadini che scendono nelle piazze per manifestare il loro disagio e la loro sofferenza di fronte alla difficoltà generate dalla pandemia”.
“Accelerare il processo di digitalizzazione è una necessità impellente: se il Comitato non riuscirà a mantenere una tempistica coerente con i reali bisogni del Paese – ha concluso Callari – proporrò al presidente della Conferenza delle Regioni di abbandonare il tavolo del Cobul”.