TABLETquotidiano

L'informazione on line

AUDIZIONE FINCANTIERI: GRATTON (SEL), CANTIERISTICA NAVALE MOTIVO D’ORGOGLIO

“La cantieristica navale – in particolar modo Fincantieri – rappresenta uno dei fattori trainanti (nonché motivo d’orgoglio) dell’economia regionale e vogliamo che lo continui ad essere anche in futuro, pertanto esprimiamo soddisfazione per l’interlocuzione avuta in Commissione con l’AD di Fincantieri e le parti sociali”.

Questo è quanto affermato dal Presidente della II Commissione Attività produttive e lavoro Alessio Gratton (SEL) al termine delle audizioni svoltesi in Consiglio regionale in merito a quelle che sono le potenzialità di sviluppo della cantieristica navale e le importanti e delicate ricadute sociali sul nostro territorio.

“Nel corso dell’approfondimento sulla cantieristica regionale, cominciato dalla Commissione qualche mese fa, sono emerse altre questioni molto rilevanti che hanno destato l’interesse del Consiglio regionale: la quotazione in borsa e i fatti di cronaca circa la regolarità degli appalti e delle condizioni di lavoro. Oggi, finalmente, abbiamo avuto l’opportunità di confrontarci con l’AD Bono e di questo non possiamo che ringraziarlo considerati i suoi numerosi impegni.

“Come Presidente di Commissione accolgo molto volentieri l’invito che ci ha rivolto Bono a interloquire con le ASL locali in merito alle problematiche sociali e sanitarie a cui ha accennato durante le audizioni. Siamo pienamente consapevoli che la Regione debba mettere in campo tutto ciò che è di sua competenza per migliorare le condizioni di operatività delle aziende e la qualità del lavoro degli operai. Siamo altresì convinti che quelli del rispetto della legalità da parte dei subappaltatori, della salute e della sicurezza dei lavoratori e delle ricadute sociali sul territorio di uno stabilimento così grande e complesso siano temi dei quali la Regione abbia l’obbligo di occuparsi. Per questo motivo, trattandosi di materie trasversali, mi attiverò fin da subito per coinvolgere anche gli altri Presidenti di Commissione affinché il Consiglio regionale sia investito di queste problematiche e possa valutare quali iniziative concrete intraprendere per risolverle”.