TABLETquotidiano

L'informazione on line

ASSESTAMENTO BILANCIO: SISTEMA ENTI LOCALI RESTA PRIORITÀ PER FVG

“Seppure nell’austero quadro finanziario nell’ambito del quale si muove la manovra, quello delle Autonomie locali resta uno dei comparti nei quali la Regione tra storni, blocchi e congelamenti di capitoli di bilancio, non ha sottratto alcuna risorsa ai fondi destinati a questo settore. Il sistema delle Autonomie locali, che con gli interventi attuati in questi primi mesi dell’anno ha già beneficiato di circa 9 milioni di euro in più rispetto allo stanziato 2020, resta una priorità per l’Amministrazione regionale, alla quale stiamo lavorando anche per garantire stabilità ai futuri bilanci degli Enti locali che, a partire dal 2021, risentiranno del calo addizionale Irpef e di altre criticità generate dall’emergenza epidemiologica”.

Lo ha detto l’assessore regionale alle Autonomie locali Pierpaolo Roberti oggi illustrando alla competente Commissione consiliare le disposizioni di settore legate all’Assestamento di Bilancio per gli anni 2020-2022.

“In questo momento non si registrano problemi di tenuta delle Autonomie locali, ma la Regione sta vigilando in stretta sinergia con le amministrazioni municipali e il Consiglio delle Autonomie locali attraverso il Tavolo politico-tecnico tra Regione Friuli Venezia Giulia ed Enti locali. Il nostro obiettivo è di creare un sistema sinergico e integrato capace di individuare e cercare di risolvere le criticità che, di volta in volta, emergeranno come in questa prima fase nella quale si registra l’inadeguatezza delle risorse erogate dallo Stato per la sanificazione degli edifici scolastici e per i centri estivi, del tutto insufficienti a coprire le reali esigenze del territorio”.

“Siamo in una situazione in continuo divenire – ha concluso Roberti – perché soggetta principalmente a due variabili: l’assenza di certezze sull’entità di finanziamenti erogati dallo Stato e l’emergenza sanitaria tutt’ora in corso. L’attività del Tavolo studierà l’andamento di questa annualità e le strategie per affrontare il 2021, fermo restando l’impegno della Regione ad aumentare, se possibile e come già fatto in passato, le risorse disponibili e ad affiancare gli Enti locali nel risolvere le difficoltà che potrebbero riflettersi inevitabilmente sull’intera comunità regionale”.