TABLETquotidiano

L'informazione on line

AMBIENTE/SALUTE: VITO, DOVEROSO OFFRIRE DATI SCIENTIFICI AI CITTADINI

“Di fronte alla preoccupazione dei cittadini la politica ha il dovere di promuovere attività di approfondimento”

La presentazione odierna al pubblico dell’Indagine epidemiologica ambientale Monfalconese. Tumori e Ambiente: analisi dati relativi a inquinamento atmosferico e tumori nel Monfalconese, 1995-2009, alla Galleria comunale d’Arte contemporanea, “risponde all’impegno preso con i cittadini di fornire elementi di chiarezza e di conoscenza su base scientifica”.

Con queste parole l’assessore regionale all’Ambiente del Friuli Venezia Giulia Sara Vito ha introdotto l’incontro pubblico che ha visto gremire oggi la sala dell’Auditorium monfalconese, presenti anche numerosi consiglieri regionali, il sindaco Silvia Altran e la vicepresidente della Provincia di Gorizia Mara Cernic.

“Di fronte alla preoccupazione dei cittadini – ha aggiunto Vito – la politica ha il dovere di promuovere attività di approfondimento. Con l’attività dell’Osservatorio Ambiente e Salute (OAS) abbiamo avviato un percorso innovativo che prevede un lavoro in sinergia e con il quale ci candidiamo a diventare un punto di riferimento anche nazionale”.

L’OAS è stato costituito nel marzo 2014 presso l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente (ARPA) del FVG con lo scopo di effettuare analisi epidemiologico-ambientali. Al suo interno operano congiuntamente esperti dell’IRCCS Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano, delle Università del FVG, della direzione centrale Salute della Regione e dell’ARPA.

L’assessore Vito ha sottolineato la condivisione dell’impegno con le altre istituzioni, la Provincia di Gorizia e il Comune di Monfalcone, impegno che proseguirà con la seconda parte dello studio, concentrata sulla correlazione tra fattori inquinanti e patologie cardiache e aborti spontanei, per proseguire con il biomonitoraggio sull’impatto dei metalli.