TABLETquotidiano

L'informazione on line

ALITALIA: PICCIN (FI), ATTEGGIAMENTO ASSURDO SU VOLI TRIESTE AIRPORT

CR-FVG (Aula), 2 lug 2020 – la consigliera regionale Mara Piccin (FI) a colloquio con il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin (ARC Montenero)

“L’atteggiamento di Alitalia, società capitalizzata con fondi pubblici, e del Governo giallorosso è inconcepibile: è venuta l’ora di battere i pugni a Roma per avere la certezza, che al momento non c’è, che i voli di collegamento tra Trieste Airport e i principali hub del Paese saranno ripristinati. Presenterò immediatamente una mozione: il Consiglio regionale deve far sentire la propria voce in questa fondamentale partita, possibilmente all’unanimità”.

Lo afferma la consigliera regionale Mara Piccin (Forza Italia), dopo che in Aula la sua interrogazione sul tema ha ricevuto risposta dall’assessore Fvg alle Infrastrutture.

“Speravo ci fossero novità – continua Piccin – ma, di fatto, ancora non c’è una soluzione definitiva, auspicando che Alitalia accetti quanto meno le proposte formulate in questi giorni da Trieste Airport, tenendo conto delle richieste del vettore, come riferite dall’assessore. È scandaloso che, in merito a queste ultime, ci siano voci del ripristino di un volo da Ronchi a Roma ma senza la certezza del ritorno. Speriamo che nelle prossime ore si faccia chiarezza”.

“A oggi – osserva la forzista – non ci sono più giustificazioni per il mancato ripristino dei collegamenti aerei pre-emergenza Covid-19. Una simile, bassa considerazione della nostra regione è inammissibile da parte di una società capitalizzata con fondi pubblici e che, pertanto, non può disinteressarsi di una parte del territorio nazionale, con un aeroporto sul quale la Regione ha investito perché consapevole della sua posizione centrale in Europa”.

“Se i principali voli non verranno ripristinati – conclude Piccin – non si potrà che rispondere con durezza e anche il governo a guida Pd e M5S avrà le sue pesanti responsabilità. Come si può continuare a foraggiare di fondi pubblici una società che non assicuri il servizio che è chiamata a svolgere? Siamo all’assurdo. È fondamentale agire ora: la Giunta e tutte le forze politiche sono chiamate a battere i pugni”.