TABLETquotidiano

L'informazione on line

168° ANNIVERSARIO FONDAZIONE POLIZIA: LE CERIMONIE IN FVG

Oggi 10 aprile, si celebra il 168° Anniversario della fondazione della Polizia di Stato.

PORDENONE

Quest’anno per salvaguardare la salute della nostra comunità e dei nostri poliziotti l’Anniversario della nostra Fondazione verrà celebrato in forma simbolica, con la sola deposizione della corona in memoria dei nostri caduti.

Alle ore 09.30 è stata deposta una Corona d’Alloro in ricordo dei Caduti della Polizia di Stato presso il “cippo commemorativo”  sito nel cortile della Questura di Pordenone, alla presenza del Questore della Provincia di Pordenone Marco Odorisio e del Prefetto della Provincia di Pordenone, Maria Rosaria Maiorino

UDINE

E’ tradizionalmente un momento di condivisione tra la Polizia, le Istituzioni e la cittadinanza; l’occasione in cui si fa il punto della situazione sullo stato della pubblica sicurezza e dell’azione di contrasto alla criminalità. Quest’anno, lo scenario di diffusione epidemiologica in atto e le misure di contenimento e gestione dell’emergenza hanno reso necessario l’annullamento di ogni cerimonia, a garanzia della tutela del personale e dei cittadini.

A Roma è stata deposta una corona in memoria dei caduti della Polizia di Stato al Sacrario della Scuola Superiore di Polizia alla sola presenza dei vertici istituzionali.

A Udine, come negli altri capoluoghi di provincia, il Questore, alla presenza del Prefetto e del personale in servizio, ha onorato l’anniversario con la deposizione di una corona al cippo in memoria dei caduti della Polizia di Stato nel piazzale interno alla Questura e al monumento ai caduti in piazzale D’Annunzio. Si sono raccolti poi davanti al monumento in onore dei tre poliziotti vittime della strage del 23 dicembre 1998 nello spazio erboso accanto al Tribunale.

GORIZIA

“Esserci sempre” è il motto celebrativo dell’Anniversario della fondazione della Polizia che quest’anno, più che mai, identifica la mission delle donne e degli uomini della Polizia di Stato impegnati come sempre al servizio della collettività per la tutela del bene comune ed oggi schierati nella nuova importante battaglia che si combatte per spezzare la catena del contagio da Covid-19.

Questo 10 aprile sarà quindi un 168° anniversario che, per doverosi motivi di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica, non verrà celebrato tra la gente ma ci vedrà comunque “vicino” a tutti i cittadini attraverso il costante impegno a garanzia e tutela della popolazione.

Non possiamo però non ricordare i nostri caduti, anche coloro che abbiamo recentemente perduto sul territorio nazionale a causa del Covid-19, e lo faremo deponendo in forma privata una corona d’alloro in loro memoria.

Cogliamo l’occasione per un ringraziamento alla cittadinanza dell’isontino, per la disciplina, la pazienza e la sensibilità dimostrate nel delicato periodo che stiamo vivendo, che ci pone, insieme ai corregionali, all’apice delle comunità più virtuose. Nonostante i primi segnali confortanti la battaglia però non è finita,  il coronavirus cammina sulle gambe di tutti noi e la vita e la salute di tutti dipende dal comportamento responsabile di ciascuno, aiutateci ad aiutarvi.