VISITA PAPA FRANCESCO: IACOP, GRATITUDINE E SPERANZA PER IL MESSAGGIO DI PACE

Papa Francesco
Share

Alla vigilia della visita del Santo Padre, il presidente del Consiglio regionale Franco Iacop sottolinea i sentimenti di gratitudine e speranza con cui la comunità del Friuli Venezia Giulia attende l’arrivo di Papa Francesco al Sacrario militare di Redipuglia nel centenario dell’inizio della Prima Guerra mondiale.

“La celebrazione della Santa Messa al monumento che custodisce le spoglie di centomila soldati italiani morti nella Prima Guerra mondiale e la sosta del Santo Padre in preghiera al Cimitero austroungarico di Fogliano, dove sono sepolte 14.450 salme di soldati che vestivano l’uniforme dell’Impero, sono situazioni che hanno una valenza ancora più forte nel momento storico che stiamo vivendo, nel quale – in questo territorio in passato lacerato dai conflitti e oggi esempio di apertura, dialogo, convivenza e collaborazione internazionali proprio con le comunità degli ex Paesi belligeranti – il ricordo delle tragedie vissute si mescola a venti di guerra che spirano in Medio Oriente e nella stessa Europa orientale, e agli echi dei tanti conflitti che tormentano il mondo.

Proprio la Santa Messa che il Papa celebrerà assume un significato particolare per la dedizione che nel nostro tempo distingue le Forze armate negli interventi per la tutela della pace, nell’impegno per il rafforzamento delle libertà civili, nell’operare nel segno di una forte solidarietà.

Una tragedia umana e morale, quella della Guerra mondiale, di cui il Papa ha conosciuto il dolore e il dramma dalle parole del nonno che combatté sul Piave: una testimonianza che deve impegnare ognuno di noi – come hanno fatto i nostri avi che hanno combattuto e hanno raccontato quell’esperienza con la speranza che non si ripeta più – costantemente nella ricerca di strade di pace sui terreni della tolleranza e dell’accoglienza, della comprensione e del rispetto delle diversità, della costruzione di condizioni sociali che onorino la dignità delle persone, quale sostanziale antidoto.

C’è dunque un’attesa che è grande aspettativa per un messaggio di pace che nasce dall’accomunare nella preghiera e nell’omaggio i caduti e le vittime di tutte guerre e che è richiamo e stimolo per ogni cittadino e per le istituzioni”.

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

Powered by WordPress