PORTI: SANTORO, SU MONFALCONE CONFRONTO CON IL TERRITORIO

porto Monfalcone
Share

“Le Linee guida per preparare il nuovo Piano regolatore del Porto di Monfalcone saranno portate in Giunta regionale dopo una verifica e un approfondimento con il territorio e in particolare con i soggetti che operano quotidianamente nel Porto. Solo così il percorso per arrivare al Piano sarà chiaro e sicuro”.

Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture Mariagrazia Santoro intervenendo a Monfalcone, su invito della Commissione speciale per il Porto del Consiglio comunale, a un’audizione per fare il punto sui problemi dello Scalo marittimo. All’incontro, introdotto dal presidente della Commissione Paolo Frisenna, erano presenti il sindaco Silvia Altran, numerosi consiglieri comunali e assessori, i rappresentanti degli Enti che hanno competenza sul Porto (Azienda speciale, Consorzio industriale) e il consigliere regionale Diego Moretti.

“Dopo anni di immobilismo – ha sottolineato l’assessore regionale – abbiamo impresso finalmente un’accelerazione su una serie di interventi puntuali e concreti che riguardano il Porto di Monfalcone”. A questo proposito, l’assessore Santoro ha citato l’escavo del canale di accesso, la gestione unitaria del raccordo ferroviario, lo stesso Piano regolatore ma anche i progetti di potenziamento della rete ferroviaria regionale che interessano da vicino le possibilità di sviluppo del Porto.

“L’impostazione di questa Amministrazione regionale è quella di risolvere una serie di interventi puntuali – ha precisato ancora – senza rinunciare ad una visione strategica della portualità del Friuli Venezia Giulia”. Nella discussione in Commissione, è stato in particolare toccato il tema del mini-rigassificatore, un progetto promosso da alcuni imprenditori e che dovrebbe trovare collocazione nell’area portuale.

Questo progetto, ha voluto precisare l’assessore Santoro, segue una Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) ministeriale, sulla quale la Regione sarà chiamata ad esprimere un parere al momento opportuno. “Nel rispetto della sicurezza della navigazione e delle potenzialità complessive dello sviluppo del Porto – ha aggiunto l’assessore – il progetto del mini-rigassificatore, così come qualsiasi proposta di crescita o investimento proposto dal sistema imprenditoriale, rappresenta un’opportunità”.

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

Powered by WordPress