MONFALCONE: UN CODICE ETICO PER LOCALI VIRTUOSI

LOGO codice etico esercizi pubblici
Share

“Si tratta di un provvedimento condiviso con Ascom Confesercenti e portatori di interesse – spiega l’assessore al Commercio Paola Benes – e di cui siamo particolarmente orgogliosi, specialmente per il segnale importante che dà dal punto di vista etico”

Locali senza slot machine, che lottano contro il gioco d’azzardo patologico, ma anche che rispettano l’ambiente (ad esempio usando stoviglie e posate lavabili o in materiale biodegradabile) e promuovono i prodotti a km 0, avranno da oggi un amico in più nel Comune di Monfalcone, la cui giunta ha approvato ieri le modalità di adesione al Codice etico e culturale per le attività commerciali eticamente responsabili.

Il tutto nasce dalla delibera di consiglio approvata a metà 2014 per valorizzare le attività commerciali che legano il proprio servizio a comportamenti e messaggi di tipo virtuoso al fine di promuovere la salute dei cittadini e la prevenzione del gioco d’azzardo patologico.

Nel dettaglio, il codice etico impegna chi vi aderisce a non possedere slot machine o altre apparecchiature legate al gioco d’azzardo (eventualmente rimuovendo quelle già installate), diffondere e promuovere brochure e materiale di sensibilizzazione sulle dipendenza da droghe e alcol e azzardo e di educazione ambientale, utilizzare stoviglie lavabili o in materiale biodegradabile, privilegiare l’utilizzo di prodotti tipici del territorio (cosiddetti prodotti a km O), offrire anche portate vegetariane e vegane, e adottare pratiche di miglioramento della qualità della raccolta differenziata (per esempio utilizzando macchine erogatrici per l’acqua minerale al posto dell’acqua confezionata, offrendo “l’acqua pubblica” ossia l’acqua di rubinetto, privilegiando la vendita di prodotti sfusi al posto degli alimenti confezionati e utilizzando, nei limiti del possibile, salviette di stoffa al posto di quelle di carta).

All’attività che aderisce al Codice etico e culturale viene consegnato il logo di riconoscimento. Il logo sarà consegnato all’esercizio pubblico che aderirà ad almeno quattro delle azioni virtuose (una delle quali dovrà comunque essere quella di non possedere slot machine). L’esercizio che aderisce al Codice etico e culturale avrà il vantaggio di essere indicato all’interno di apposito elenco che sarà pubblicato sul portale dell’ente e diffusa nelle sedi comunali e le sedi delle Pro Loco dei Comuni di Città Mandamento.

«Si tratta di un provvedimento condiviso con Ascom Confesercenti e portatori di interesse – spiega l’assessore al Commercio Paola Benes – e di cui siamo particolarmente orgogliosi, specialmente per il segnale importante che dà dal punto di vista etico».

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

Powered by WordPress