LAVORO: PANARITI, LA REGIONE “ENTRA NELLE AZIENDE” PER OFFRIRE SERVIZI

L'incontro "Dalla parte delle Imprese. Le opportunità di crescita e di sviluppo in Friuli Venezia Giulia" nella Conference Hall del Centro Congressi di AREA Science Park - Padriciano (TS) 07/04/2016
Share

L’iniziativa, realizzata all’interno della prima edizione dell’ Employers’ Day, è stata supportata dalla Rete europea dei Servizi pubblici per l’Impiego (PES Network) e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Non saranno più le imprese ad andare a bussare alle porte degli Uffici del Lavoro, ma sarà la stessa Regione a entrare in azienda per illustrare tutti i servizi e le opportunità offerte dalle normative di incentivo e sostegno rivolte al sistema produttivo.

Questo il tema all’ordine del giorno dell’incontro che si è tenuto oggi all’AREA Science Park di Trieste tra la direzione centrale Lavoro, Formazione, Istruzione, Ricerca e Università della Regione Friuli Venezia Giulia, l’Agenzia Investimenti FVG e una nutrita platea di rappresentanti del mondo delle imprese.

L’iniziativa, realizzata all’interno della prima edizione dell’ Employers’ Day, è stata supportata dalla Rete europea dei Servizi pubblici per l’Impiego (PES Network) e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

“Questo del rapporto diretto con le aziende – ha detto l’assessore regionale al Lavoro Loredana Panariti – era uno degli obiettivi della riorganizzazione della struttura, perché dobbiamo fare in modo che le imprese del territorio abbiano tutte le informazioni necessarie per ridurre la distanza tra domanda e offerta di lavoro”. “Infatti – ha puntualizzato l’assessore – quella tra la Regione e il sistema produttivo locale deve essere una collaborazione completa, in maniera tale che la nostra formazione venga progettata anche assieme alle imprese, calibrandola a quelle che sono le esigenze del mercato e alle strategie di sviluppo del territorio”.

L’occasione è stata anche quella per affrontare il tema della nuova architettura della direzione regionale, che comprende l’avvio dal primo febbraio della nuova Agenzia per il Lavoro, la cui mission  principale è quella di consolidare i rapporti con le aziende all’interno di una serie di funzioni che vanno dalla ricerca e dalla preselezione del personale alla formazione attraverso tirocini e corsi di qualificazione in collaborazione con le stesse imprese. Parallelamente viene garantita dall’Agenzia anche un’informazione puntuale sugli incentivi e sulle Politiche del Lavoro.

Ma la novità è rappresentata dal Servizio alle Imprese: funzione alla quale sono dedicati dieci operatori che hanno il compito di curare il contatto diretto con le aziende della regione. Oltre a ciò, a garantire una presenza capillare dell’Agenzia su tutto il territorio del Friuli Venezia Giulia, ci sono i 18 Centri per l’Impiego, la cui competenza dal primo luglio scorso è passata dalle Province all’Amministrazione regionale.

“Nel suo complesso – ha ribadito l’assessore Panariti – si tratta di un’assistenza di qualità e gratuita che la Regione offre in materia di Lavoro alle aziende, attraverso la collaborazione e la messa in rete di tutti i soggetti pubblici e privati”. A tal riguardo, come ha spiegato l’assessore Panariti, le scelte attuate perseguono la Strategia della specializzazione intelligente (S3), ovvero quel metodo di lavoro definito e coordinato dalla Commissione Europea attraverso il quale le Regioni concentrano le energie per l’innovazione, la competitività e lo sviluppo sostenibile e inclusivo in un’ottica di sistema.

Un percorso di crescita fondato sull’integrazione del sistema dell’innovazione con quello produttivo-economico e socio-istituzionale, di cui l’Agenzia regionale per il Lavoro, insieme alla direzione centrale Ricerca della Regione, è parte integrante. L’obiettivo, dunque, è quello di collegare in maniera attiva tutti i protagonisti. “Un’innovazione – ha dichiarato concludendo l’assessore Panariti – che è stata attuata, sia internamente alla struttura, attraverso la nuova Agenzia per il Lavoro, e sia esternamente, creando un rapporto diretto tra la Regione e le imprese”.

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

Powered by WordPress