GRANDE GUERRA: SERRACCHIANI, TRE GENERAZIONI UNITE DALLA PACE

serracchianiNapolitanoMonteSanto7lug14
Share

Con Napolitano e Pahor una sintonia sull’importanza dell’Europa e sull’impossibilità di tornare indietro. “Serve però un’Europa più forte, che punti su crescita e solidarietà”.

Tre generazioni di rappresentanti delle istituzioni uniti dal medesimo impegno per la pace e dalla fiducia nel futuro dell’Europa.

È stato questo il filo conduttore della cerimonia al Santuario del Monte Santo (Sveta Gora), dove oggi i Presidenti della Repubblica di Italia Giorgio Napolitano e di Slovenia Borut Pahor, presente la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serrachiani, hanno inaugurato una “panchina della pace” nel Centenario della Grande Guerra.

È stato il Presidente sloveno Pahor, nel suo intervento, a notare che tra lui e Napolitano, pur essendoci due generazioni di differenza, c’è profonda sintonia sui temi della pace e dell’Europa. Ed è stato poi Napolitano, rivolgendosi espressamente alla presidente Serracchiani, a includere anche una terza generazione che condivide profondamente gli stessi valori.

“Tre generazioni – ha detto la presidente Serracchiani a margine della cerimonia – che non solo condividono lo stesso sforzo per la pace ma che sono convinte dell’importanza dell’Europa e dell’impossibilità di tornare indietro, anzi”.

“Serve però – ha aggiunto la presidente – un’Europa più politica e più forte. Un’Europa che, come ha detto oggi il Presidente Napolitano, sappia cambiare marcia e invertire la rotta e che quindi guardi con più attenzione, come ha recentemente sottolineato il nostro Governo, alla solidarietà e alla crescita”.

Da secoli luogo di culto mariano, punto di riferimento per i fedeli di tutto il Goriziano, sia italiano che sloveno, il Monte Santo ha segnato anche uno dei momenti più tragici della Grande Guerra: fu teatro infatti, dopo la presa di Gorizia, di scontri fra i più aspri di tutto il conflitto.

Ed è proprio qui, sulla cima del Monte dalla quale si gode di un panorama straordinario dalle Alpi al mare, che i due Presidenti hanno inaugurato la “panchina della pace” dedicata a tutti i Caduti.

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

Powered by WordPress