FERROVIE: LA REGIONE STUDIA LA RIATTIVAZIONE DEL COLLEGAMENTO TRIESTE-LUBIANA-VIENNA

TrenoTav
Share

La Regione studia la riattivazione del collegamento ferroviario Trieste-Lubiana-Vienna. E’ stato questo l’argomento al centro di un incontro tecnico, promosso oggi a Trieste dalla Regione, con i concessionari delle ferrovie italiane, slovene e austriache nonché con i rappresentanti del Comune e della Provincia di Trieste, allo scopo di verificare la sostenibilità di tale progetto e le problematiche, anche di carattere tecnico, da superare.

Si tratta di un servizio che, com’è stato riscontrato in occasione di recenti sperimentazioni, se viene proposto con i necessari supporti di raccordo al sistema trasportistico locale, riscontra l’interesse dell’utenza. Si tratterebbe quindi di un progetto percorribile.

Nell’occasione è stato ribadito l’interesse, da parte dell’Amministrazione regionale e dei rappresentanti delle concessionarie delle ferrovie coinvolte, alla riattivazione di una linea che riveste carattere storico per il capoluogo regionale, e che in passato metteva in rete le città della Mitteleuropa.

La Regione è orientata a verificare la possibilità di sostenere gli interventi necessari all’ottimizzazione dei servizi funzionali al collegamento internazionale attraverso i fondi comunitari, e in particolare attingendo al programma europeo ‘Central Europe’ e ‘Spazio Alpino’, che finanziano la cooperazione transnazionale, e i programmi transnazionali Italia-Austria e Italia-Slovenia.

Per seguire tale percorso dovrà essere redatto il business plan di un progetto pilota, da definire in accordo con le concessionarie ferroviarie, al fine di testare l’efficacia della eventuale riattivazione della linea e valutare se i costi relativi potranno essere sostenibili nel lungo periodo attraverso l’esercizio della stessa linea.

Com’è stato convenuto a conclusione dell’incontro, le concessionarie delle ferrovie italiana, slovena e austriaca produrranno una scheda tecnica che riporterà le valutazioni e le proposte rispetto all’ipotesi prospettata.

A seguito di ciò potrà essere armonizzato un progetto di fattibilità che si accompagni a un’indagine di mercato, al business plan del progetto e all’eventuale messa in opera di un servizio pilota a valere sui fondi Ue.

Nel contempo è stato proposto di attivare un tavolo di lavoro per affrontare e risolvere le criticità del collegamento tra Trieste e Opicina e degli attuali servizi ferroviari in coincidenza con Lubiana, relativamente all’interoperabilità fra i due Paesi, e all’adeguamento della viabilità adiacente alla Stazione di Opicina.

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

Powered by WordPress