FERRIERA TRIESTE: VITO, SPIRITO COLLABORATIVO E COSTRUTTIVO

Ferrieradiservola
Share

“È stata una giornata improntata a uno spirito collaborativo e costruttivo da parte di tutti, dedicata in modo particolare agli aspetti ambientali, con l’obiettivo di arrivare quanto prima alla firma dell’Accordo di programma”. Lo ha detto l’assessore regionale all’Ambiente, Sara Vito, che ha partecipato oggi a Roma, a nome della presidente della Debora Serracchiani, ai due incontri promossi dal ministero dello Sviluppo economico sulla Ferriera di Trieste: in mattinata la Conferenza dei servizi e nel pomeriggio il Tavolo fra i soggetti pubblici interessati.

Alla riunione pomeridiana hanno in particolare partecipato i rappresentanti dei ministeri dell’Ambiente, delle Infrastrutture e del Lavoro, del dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione, degli enti territoriali (Regione, Provincia, Comune), dell’Autorità portuale e dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa (Invitalia). Nella Conferenza dei servizi, convocata dopo il “via libera” al preliminare di vendita dell’impianto al gruppo Arvedi, erano presenti anche i rappresentanti dell’azienda.

Come ha ricordato l’assessore Sara Vito, ammontano a 41,5 milioni di euro i fondi previsti per la parte pubblica e a 172 i milioni l’investimento di parte privata, come indicato nel piano industriale presentato a nome del gruppo Arvedi dalla società Siderurgica Triestina. I rappresentanti delle istituzioni pubbliche e quelli del privato proponente hanno in particolare concentrato oggi l’attenzione sugli aspetti ambientali indispensabili per arrivare nei tempi più brevi possibili alla firma dell’Accordo di programma.

Sulla base degli approfondimenti condotti nel corso dell’incontro si sono condivise le integrazioni necessarie a garantire i livelli di sicurezza sanitaria e ambientale per la continuità dell’attività lavorativa. Da parte privata, in particolare, l’impegno dovrà riguardare la gestione dei rifiuti, la realizzazione delle pavimentazioni e il trattamento delle acque.

Nel pomeriggio al Tavolo dei soggetti pubblici era presente, come detto, anche Invitalia, che avrà il ruolo di soggetto attuatore e che redigerà il progetto preliminare degli interventi pubblici di bonifica per la valutazione del Cipe in sede di assegnazione definitiva delle risorse pubbliche già individuate nell’Accordo di programma.

“La Regione – ha precisato l’assessore Vito – conserverà il ruolo di interlocutore primario con i ministeri e Invitalia per il coordinamento e la supervisione delle attività finalizzate alla stipula dell’Accordo e alla successiva realizzazione degli interventi”. Già nei prossimi giorni, infatti, si terrà nella sede della Regione un incontro operativo con Invitalia, il ministero e gli altri soggetti pubblici coinvolti per avviare la progettazione.

“Soddisfazione per un percorso complesso, che però sta andando nella giusta direzione, con l’auspicio di chiudere l’Accordo di Programma in tempi brevi, nell’interesse della città e dell’intera regione”. Ha commentato la presidente della Regione, Debora Serracchiani.

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

Powered by WordPress