COMUNI: OGGI REFERENDUM PER FUSIONE ARZENE E VALVASONE

referendum_sino_N
Share

Sono iniziate stamane alle 8.00 e si concluderanno alle 20.00, le operazioni di voto del referendum consultivo, nel quale gli elettori dei comuni di Arzene e Valvasone sono chiamati ad esprimere la loro opinione, attraverso il voto favorevole o contrario, sulla costituzione del nuovo comune di “Valvasone Arzene “.

Gli elettori interessati alla consultazione, sulla base dei dati della revisione dinamica delle liste elettorali dello scorso luglio, sono 3.986 distribuiti in 5 sezioni, di cui 1.732 nelle 3 sezioni del Comune di Arzene e 2.254 nelle 2 sezioni del Comune di Valvasone.

L’affluenza alle urne alle ore 12.00 è stata complessivamente del 12,01% (476 votanti):l’11, 63% (200 votanti) ad Arzene e il 12,31% (276 votanti) a Valvasone.

Subito dopo la chiusura del voto cominceranno le operazioni di scrutinio; la proclamazione del risultato del referendum, ad opera dell’Adunanza dei presidenti di seggio, avverrà a conclusione dello scrutinio, e comunque non oltre domani, presso la prima sezione del comune con il maggior numero di abitanti, ovvero Valvasone. Non sono previsti quorum per la validità della consultazione.

Il quesito sottoposto al referendum si intende approvato se la risposta affermativa raggiunge la maggioranza dei voti validamente espressi. Qualora il referendum abbia esito favorevole, entro 60 giorni dalla proclamazione del risultato la Giunta regionale presenterà al Consiglio regionale un disegno di legge sull’oggetto del quesito sottoposto a referendum. L’esito negativo del referendum non preclude l’esercizio dell’iniziativa legislativa da parte della Giunta regionale e degli altri soggetti legittimati.

La legge-provvedimento che istituirà il nuovo Comune derivante dalla fusione, dovrà contenere, oltre alla data della costituzione e delle prime elezioni degli organi del nuovo Comune, anche la disciplina dei rapporti patrimoniali e finanziari relativi alla successione tra i comuni interessati e la previsione di una assegnazione speciale per gli oneri di primo impianto.

Nella Regione Friuli Venezia Giulia sono stati finora portati a termine due processi di fusione: dal 1 gennaio 2009 è nato il nuovo Comune Campolongo Tapogliano, che deriva dalla fusione dei Comuni preesistenti di Campolongo al Torre e Tapogliano e dal 1 gennaio 2014 è nato il nuovo Comune di Rivignano Teor, derivante dalla fusione dei Comuni di Rivignano e Teor.

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

Powered by WordPress