AGROALIMENTARE: BOLZONELLO INAUGURA LA PRESENZA DEL FVG AL SALONE DEL GUSTO DI TORINO

StandFvgSalGustoTorino23ott14
Share

“La vera sfida a livello nazionale, che anche il Friuli Venezia Giulia si appresta a perseguire, è la tutela del suolo agricolo. È da questo presupposto che bisogna intervenire con coraggio per tutelare la biodiversità e le peculiarità di una produzione agroalimentare unica come quella della nostra regione. Questa strada deve essere recepita prestando attenzione al cambio generazionale per dare la possibilità ai giovani di diventare i veri protagonisti di questa sfida”.

È con queste parole che il vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello ha inaugurato oggi la partecipazione del Friuli Venezia Giulia al Salone del Gusto di Torino, in un’area allestita da TurismoFVG e dall’Agenzia regionale per lo Sviluppo rurale/ERSA che, insieme a Slow Food FVG, anima il padiglione 1 della storica sede del Lingotto.

“Anche in questa occasione TurismoFVG ed ERSA sono unite nella promozione del brand Friuli Venezia Giulia, ognuno per le proprie competenze, per la valorizzazione della destinazione attraverso l’enogastronomia e il territorio che la rende così speciale. La qualità dei prodotti regionali presentati a questa edizione del Salone non ha eguali e i giovani allievi degli istituti alberghieri, che stanno dando il loro supporto per presentare agli ospiti il meglio della nostra area, stanno portando avanti il loro lavoro egregiamente, rappresentando anche l’eccellenza nella formazione professionale”.

Stand FVG affollato già dalle prime ore di apertura oggi nel capoluogo piemontese, grazie all’ampia proposta di prodotti di eccellenza, la presenza di un’enoteca/osteria tipica, dove gustare i prodotti che sintetizzano la cultura gastronomica del Friuli Venezia Giulia, e dei Laboratori del Gusto, degustazioni guidate dedicate nella prima giornata di apertura della manifestazione al prosciutto di San Daniele, alle birre artigianali, alla pitina ed al “pestat” di Fagagna, due presìdi Slow Food regionali.

Domani si proseguirà con la premiazione “Gran Premio Noè” a cura dell’ERSA e del Comune di Gradisca d’Isonzo, la presentazione dello spumante Emopoli dell’Istituto agrario Brignoli di Gradisca e la degustazione e approfondimento culturale del fagiolo gigante di Platischis, del Wahrackera e del Cuincìr, prodotti in corsa per diventare prossimi presìdi Slow Food.

La decima edizione del Salone del Gusto 2014 di Torino accoglie 2.000 prodotti da 107 Paesi del mondo. L’Italia propone 595 prodotti.

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

Powered by WordPress